Nazionale, gli azzurri uniti dopo il flop: “tutti per uno, uno per tutti”

azzurri
Nazionale, gli azzurri dopo il flop uniti

La sfida con la Macedonia ha lasciato tanta incertezza e soprattutto tanta amarezza. Gli azzurri in campo non hanno messo tutta la passione, sono apparsi inesistenti, con una difesa poco compatta e un secondo tempo che ha lasciato tutti basiti. Persino Ventura si è lamentato della svogliatezza e della poca determinazione della sua squadra: era come se la partita contro la Macedonia fosse un amichevole e il pass ai Mondiali fosse stato già conquistato.

Ma non è così, perché la qualificazione dipenderà dall’ultima sfida contro l’Albania.

Al termine della partita gli azzurri si sono confrontati in spogliatoio senza lo staff tecnico, che era stato già precedentemente avvertito di questo incontro. L’obiettivo è quello di restare uniti, proprio come i tre moschettieri che con il loro motto “uno per tutti, tutti per uno” esprimevano la loro unione solida, e soprattutto remare dalla stessa parte, perché dietro la porta c’è un Mondiale da raggiungere e al quale spalancare le porte.

Bisogna dimenticare la prova di ieri, chiuderla all’interno di un cassetto, scordarsi insomma del passato, e ritrovare le certezze che albergavano all’interno del gruppo prima della pesante sconfitta contro la Spagna.

I giocatori devono stare uniti, proprio come l’azzurro del cielo si unisce all’azzurro dell’acqua, perché solo stando uniti si può vincere e soprattutto perché questo motto rappresenta l’ossatura portante che nel recente passato aveva messo le sue radici sotto la guida di Antonio Conte ed aveva raggiunto importanti traguardi all’Europeo.

Oltre all’unione, per approdare al Mondiale gli azzurri dovranno avere: ottima forma fisica, motivazioni e gli uomini migliori.

Il confronto tuttavia non c’è solo stato tra gli azzurri ma c’è stato anche tra Ventura e i senatori, tra cui Buffon e Barzagli: al momento la Federazione conferma la fiducia al c.t., anche se è un c.t. solo soprattutto perché sembra non incassare la fiducia del gruppo.

 

Precedente Napoli in vetta alla classifica: Sarri e il paradiso dei gol Successivo Italia-Albania: probabili formazioni e diretta tv